La nostra Befana ha lasciato il segno

Le 12 notti della Befana
Le 12 notti della Befana a Lecco

Grande successo del nostro spettacolo Le 12 notti della Befana nella tre giorni effettuata nei teatri della città di Lecco e dintorni (Teatro Invito a Lecco, Teatro Frassati ad Abbadia Lariana e la sala Consiliare del Comune di Robbiate). Platee esaurite, mani spellate dagli applausi e complimenti a fine spettacolo a non finire, con strascichi via email nei giorni successivi.
Erano diversi mesi che non calcavamo il palcoscenico ed è stata una iniezione di fiducia e felicità, perché tornare alla nostra attività per noi è come tornare a vivere.
Si fa il teatro non certo per i soldi, ma perché sentiamo il piacere di farlo e ci piace farlo anche per voi, il nostro pubblico, per la gente. E quando rimaniamo fermi, lontani dalle tavole polverose di quella specie di tempio laico, è come se dentro di noi si fermasse qualcosa.
La tensione del viaggio, la necessità di prendere possesso della camera d’albergo prenotata, la frenesia di vedere il teatro e scaricare, scompare quando tutto il materiale è sul palco e cominciamo a montare.
È come sentirsi a casa: la tranquillità del montaggio in cui ogni pezzo, ogni incastro va al suo posto e la leggera tensione prima della recita; poi l’andare in scena e alla fine gli applausi, il contatto col pubblico. E anche se dopo ci aspetta la sfacchinata dello smontaggio e del carico del furgone, ci sentiamo in pace con noi stessi. Appagati. Una soddisfazione profonda dell’esistenza. L’aver dato qualcosa e aver ricevuto molto di più.
Prossimamente dovremmo essere a Padova (12 febbraio) con Azzurra Balena e a Carnevale attendiamo conferma della data da Livorno con Storie di Toscana.
Vi aggiorneremo.

Un caro saluto a tutti.

Stefano Cavallini

Nonostante tutto Buon Natale

Povero Babbo Natale… (Marionette Grilli – Torino)

Stiamo già lavorando al Teatrino del Sole 2023 (edizione XXIII) e, sperando nell’adesione dei comuni dello scorso anno, ovvero San Vincenzo, Piombino, Castagneto Carducci, Pisa e Castiglione della Pescaia, abbiamo già in mente le compagnie che verranno a trovarci, anche se è sempre più difficile trovarne di valide.
In questi anni, pandemia a parte, non abbiamo assistito a un ricambio generazionale nel Teatro di Figura; le giovani compagnie ci sono, ma creano spettacoli “mordi e fuggi”: scenografia ridotta all’osso (quando inesistente), storie tirate via, senza un vero tessuto drammaturgico che tenga il pubblico “incollato” alla sedia e infine personaggi costruiti alla svelta, tanto per avere qualcosa nelle mani da muovere e dargli voce. Il tutto per guadagnare con il minimo sforzo quei pochi soldi disponibili in un periodo così difficile per le Amministrazioni Pubbliche come questo.
In questo 2022 ci aspettavamo un ritorno alle attività del 2019; era stato per noi un buon anno, ma la guerra in Ucraina ha determinato un inaspettato crollo di tante attività; e il teatro, già di per sé “soggetto fragile”, ne ha fatto le spese più di altri settori. Pensate che in sei mesi abbiamo fatto solo 3 spettacoli.
Ci viene da piangere, come al Babbo Natale della foto, tratto da uno spettacolo di burattini tradizionali della compagnia Marionette Grilli di Torino, burattinai e marionettisti, amici  con i quali collaboriamo da tanti anni e che sono stati ospiti diverse volte al Teatrino del Sole. Ma tant’è.
Siamo stati “precari di professione” per quasi trent’anni e non abbiamo mai conosciuto un periodo tanto incerto per il futuro, non solo nostro, come questo: lo stravolgimento climatico che sta avanzando a causa di capi di stato e politici dalla mentalità medievale, che si sono inventati perfino una guerra con costi e spese moltiplicate. Infine una generale situazione, un sentimento collettivo da “assalto alla diligenza”.
Basta, facciamoci un’iniezione di belle favole, come quelle che vi raccontiamo al Teatrino del Sole. Facciamoci venire il sorriso sulle labbra e auguriamoci un Buon Natale.
A tutti voi da Stefano Cavallini e Patrizia Ascione.

Nuovo progetto per il prossimo anno scolastico


Novelle per 4 stagioni è il progetto dedicato alle novelle della tradizione toscana per il prossimo anno riservato alle scuole.
La Toscana, più di ogni altra regione d’Italia, vanta numerose raccolte di testi narrativi popolari, per lo più reperiti e pubblicati nell’Ottocento da un importante numero di scrittori e letterati: dal Gradi al De Gubernatis, dal Comparetti al Prato al Papanti, dall’Imbrianti al Nerucci, dal Pitré al Nieri.
Far riscoprire alle nuove generazioni i testi della novellistica tradizionale della Toscana è l’obiettivo di questo progetto, dedicato agli alunni della 4a e 5a delle scuole elementari e prevede le seguenti fasi:
1 – scelta della novella tra quelli da noi proposte;
2 – adattamento e scrittura della drammaturgia in base al materiale umano disponibile;
3 – costruzione dei personaggi e delle scene;
4 – prove e debutto.
Le novelle, così messe in scena, con una durata tra i 10 e i 15 minuti ciascuna, saranno invitate all’anteprima del Teatrino del Sole edizione 2023, da tenersi alla fine del mese di giugno.
Se sarà possibile, le drammaturgie risultanti dal progetto, saranno pubblicate in un libretto da regalare agli alunni delle classi interessate.
Una bella novità per il Teatrino del Sole 2023.

Alla prossima.

Stefano Cavallini

Ha preso il via “TEATRO a merenda”

Teatro a merenda
La locandina

Ieri c’è stato il primo appuntamento del nuovo corso dedicato al teatro fisico e al teatro di figura di Habanera Teatro, presso le scuole Newbery di Marina di Pisa.
Teatro a merenda si svolge il venerdì pomeriggio, dalle 16.30-16.45 circa per un’ora e mezza. È stata una scelta “soft” per iniziare a offrire al nostro pubblico affezionato (ma anche a chi vuole avvicinare al teatro il proprio figlio) un corso annuale in grado di dare una prima formazione e “informazione” sul teatro e il suo farsi.
Per 4 appuntamenti mensili, fino alla fine del mese di Marzo 2023, il costo totale è di 300,00 euro, una cifra da noi voluta, alla portata di tutte le tasche. Concorderemo poi con i genitori, se ce ne fosse la necessità, di protrarre gli appuntamenti oltre questo mese.
Il programma, in estrema sintesi, ma che potrà subire variazioni, secondo il materiale umano a disposizione, è il seguente:

  • L’ascolto
  • La respirazione
  • La relazione
  • La fiducia
  • Coordinazione e orientamento nello spazio
  • Trasformo il mio corpo in cose, animali, persone e personaggi
  • I colori della voce
  • Riconoscere gli stati d’animo
  • Dare parole e gesti ai sentimenti
  • Esprimere le emozioni attraverso un personaggio o un oggetto

Il corso si concluderà con un laboratorio per la realizzazione di figure per uno spettacolo.
Se ci saranno le condizioni, lo spettacolo sarà presentato al Teatrino del Sole 2023 a Marina di Pisa.
Chi volesse contattarci direttamente: 345 5004682 Patrizia.

A presto

Stefano Cavallini

Il Teatrino del Sole Winter?


La domanda è d’obbligo perché davvero non sappiamo se faremo il Teatrino del Sole in questa stagione invernale tra 2022 e 2023. La novità, ancora in via di definizione, riguarda invece il corso di teatro per ragazzi che terremo a Marina di Pisa. Vi faremo sapere più avanti.
Nell’attesa di saperne qualcosa di più ci consoliamo con il video (qua sotto) croccante croccante che vi postiamo direttamente in ricordo degli spettacoli di quest’anno.
Buona visione.

Stefano Cavallini

Benvenuti sulla pagina del Teatrino del Sole, la più importante rassegna dedicata al Teatro di Figura sulla costa Toscana, con compagnie professionali da tutta Italia e oltre. Progetto di RETE con i Comuni della Provincia di Livorno e del Comune di Pisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: