Tutti gli articoli di Sturfan

A casa a casa, disse la farfalla…

La Befana e il Signore dell'Inverno
Il signore dell’Inverno alla Befana: “Dovrai intraprendere un lunghissimo viaggio…”

In verità la filastrocca, come la ricordo quando mio padre rientrava la sera da una gelida giornata di lavoro al porto di Livorno, recita:” A letto a letto, disse la farfalla e chi non ha letto dorma nella stalla”. Stalla per far rima con farfalla, ma me piaceva più dire dorma nella paglia, come immagine avvolgente più adatta a sostituire il letto.
Noi, invece, in questo momento storico, flagellato da questo virus con un nome da robot di Guerre Stellari, rimarremo a casa.
Sì, abbiamo provato, abbiamo contattato molti organizzatori e teatri, ma le risposte sono state essenzialmente due: la prima un “no” secco:”Non abbiamo risorse per tenere aperto il teatro o per destinarle agli spettacoli”; la seconda :”Vedremo come procederà il contagio.”
Quindi, a meno di un miracolo, niente Teatrino del Sole WINTER. Con il Cine Teatro Nuovo di Pisa, c’è la parola di risentirci a Gennaio e vedere se sarà il caso di fare una breve stagione a continuare quella già messa in cantiere dal 25 ottobre al 21 novembre e dove vi invitiamo ad andare. La trovate a questo indirizzo.
Non sappiamo quanto Teatro di Figura ci sarà. Non ci sono, in queste domenicali pomeridiane, colleghi nostri, quelli che vedete al Teatrino del Sole in estate, per intenderci. Ci saranno tuttavia compagnie interessanti: clown acrobatico, danza, attrici e attori, perché il teatro esce dal quotidiano e crea emozioni, sempre.
Per noi il lavoro dovrà attendere tempi migliori e nel frattempo cercheremo di continuare ad essere tra di voi.
Abbiamo in cantiere di potenziare, sotto le feste natalizie di quest’anno la nostra sezione di audiolibri creata dai nostri spettacoli, con due nuove storie: La piccola fiammiferaia e altre storie che abbiamo portato nelle scuole per tanti anni e un nuovo testo: La leggenda dell’albero di Natale. Vi terremo al corrente tramite questa newsletter quando sarà possibile scaricarli sia in formato audiobook (mp3, aac) sia in formato ebook (ePub) per la lettura su smartphone, tablet e computer.
Intanto, in attesa che la pagina permetta una scelta diretta con download e anteprime, potete partire da questa pagina dove scegliere quale audiolibro ricevere, inviandoci una mail.

A presto.

Stefano Cavallini

E ora? Teatrino del Sole WINTER?

Teatrino del Sole, burattini, marionette, pupi, ombre
Patrizia presenta uno spettacolo a San Vincenzo – 2012

Chiuso il Teatrino del Sole, edizione XX, la nostra attività è ferma.
I teatri sono chiusi, le scuole hanno riaperto con i problemi che tutti conosciamo, i Comuni hanno finito i soldi.
Però, pensiamo che una serie di appuntamenti domenicali, potrebbero essere graditi al nostro pubblico, cioè voi. Che ne dite?
Siamo stati contattati dal responsabile del Teatro Nuovo di Pisa e probabilmente faremo qualche nostro spettacolo; stiamo aspettando ancora qualche settimana per contattare il Comune di Cecina, che ha il Teatro de Filippo e San Vincenzo che ha il Teatro Verdi. Ma anche contatteremo il Comune di Ponsacco per il suo Teatro Odeon, il Comune di Vecchiano che ha il Teatro Olimpia. Contatteremo anche il Comune di Cascina per capire se ci sarà la possibilità di partecipare alla stagione invernale delle domenicali al Teatro Politeama.
Sono teatri in cui abbiamo già lavorato e dove conoscono le nostre produzioni; dove abbiamo già fatto scolastiche e domenicali, ma contatteremo anche altri Comuni e vi faremo sapere.
Senza finanziamenti dovremo affidarci solo alla vostra affluenza e basarci solo sul biglietto che cercheremo di mantenere basso il più possibile, per dare la possibilità a tutti di assistere ai nostri spettacoli.
Non sappiamo se potremo “targare” questi spettacoli come “Teatrino del Sole WINTER”, vedremo.
Al prossimo aggiornamento potremo essere più esaurienti e magari annunciarvi una bozza di calendario.

A presto.

Stefano Cavallini

Sì, ce l’abbiamo fatta!

Il brutto anatroccolo
Il brutto anatroccolo dei Nata al Teatrino del Sole 2020

È entrata in archivio la XX edizione del Teatrino del Sole. Non è stata una passeggiata, ma ce l’abbiamo fatta.
Non volevamo perdere l’occasione di questo appuntamento estivo per le famiglie e, anche se in forma ridotta, con tutte le restrizioni anticontagio (prenotazione e posti obbligati con il distanziamento), siamo andati avanti e il vostro interesse ci ha premiati. Ci hanno premiato soprattutto i volti dei vostri bambini e i vostri complimenti per la bellezza degli spettacoli che vi abbiamo proposto e, infine, le vostre numerose iscrizioni a questa mailing list mensile, che qualcuno di voi riceverà per la prima volta. A tutti questi diamo un grande BENVENUTO.

Naturalmente vogliamo ringraziare anche gli sponsor (Unicoop Firenze, la Banca di Pisa e Fornacette, la Fondazione Pisa) un po’ meno il Comune di Pisa che ci ha imposto nuovi permessi (costosi e complessi come per un concerto di Sting) e non ci ha confermato il contributo; mentre vogliamo ringraziare il Comune di Piombino che, al contrario, ha fatto di tutto per avere il Teatrino del Sole fra le attrazioni estive, pensando alle famiglie. Infine il Mibact (Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo) ha mantenuto la parola e ci ha inviato un contributo in grado di coprire le spese organizzative che una manifestazione del genere comporta.

Il futuro, a parte un paio di nostri spettacoli a Cascina per La Città del Teatro in piazza dei Caduti: Storie di Toscana, già fatto il 13, e Loira Narpei Circus da fare il 23 agosto alle 21.30 a ingresso libero, purtroppo è buio. Nei mesi di maggio/giugno degli anni precedenti lavoravamo già per organizzare le attività invernali, fino alla primavera dell’anno successivo; ora tutto è fermo e non sappiamo fino a quando. La compagnia del Dottor Bostik di Torino, che molti di voi hanno conosciuto, una delle migliori compagnie europee, colleghi e amici da tanti anni, è stata costretta a ridurre la propria attività: è sulla soglia della chiusura. E come loro diverse altre compagnie storiche.
Il Ministero e lo Stato ci hanno aiutato e spero continuino a farlo, per condurci fuori dal tunnel, ma il nostro è un mestiere che vive quando si sale sul palcoscenico, quando si accendono le luci, quando raccontiamo delle storie, quando regaliamo emozioni e questa inazione ci debilita nel profondo.

Purtroppo “Ha da passà ‘a nuttata”, come recita la battuta finale nella commedia “Napoli milionaria!” di Eduardo De Filippo, e noi all’alba ci saremo, a ricominciare la nostra avventura, per voi.

Alla prossima.

Stefano Cavallini & Patrizia Ascione